Liu Jianhua dai Monunumenti di Porta Capuana alle tracce di Interaction



“Sono stato profondamente attratto da questa antica città quando sono arrivato a Napoli per la prima volta il 16 gennaio 2018. Sicuramente ciò che è più importante è la lunga e ricca storia artistica e culturale e la grande civiltà che qui è fiorita.

Dal 2017, quando il curatore Demetrio Paparoni e il co-fondatore della Fondazione Made in Cloister Davide de Blasio mi hanno invitato a realizzare una mostra in questo spazio no-profit, ho pensato a come poter realizzare qualcosa di nuovo ma che rimanesse comunque il filo conduttore del mio percorso artistico.


Nella foto Davide de Blasio, Liu Jianhua e Demetrio Paparoni al chiostro

Il valore dell'arte sta nel fatto che permette alle persone di sentire e reinterpretare il mondo, che è lo spazio per un pensiero indipendente e per la libertà.

Ho sentito l'impulso di fare qualcosa per la città con quest'opera creata per la Fondazione Made in Cloister. È da lì che è nata l'idea di questo lavoro. Il valore personale e l'identità sono uno dei temi su cui mi sono concentrato negli anni, soprattutto mentre stiamo attraversando le complicate trasformazioni derivanti dalla rapida globalizzazione.



Mostra Monumenti di Liu Jianhua, 2018


Monumenti consiste in 23 strutture monumentali come basi e nella performance dal vivo di immigrati che hanno viaggiato da tutte le parti del mondo verso Napoli e ora vivono e lavorano qui. Dopo l'inaugurazione, i performer dal vivo sono stati sostituiti da sculture di cartapesta a grandezza naturale con le stesse caratteristiche degli immigrati. La costruzione di un monumento per una classe diversa da quella nobiliare e l'esposizione delle loro vite e dei loro atteggiamenti in uno spazio pubblico innescano una conversazione tra le diverse classi sociali. Mentre oggi il contesto sociale, in un contesto di rapida globalizzazione, è diventato da tempo interculturale e misto, l'identità, la classe e la nazionalità sono ancora confini impenetrabili?


Monumenti da sinistra:

Liu Jianhua con i protagonisti della mostra;

Scansione dei visi dei migranti per realizzare i visi in cartapesta;

Llive performance dei migranti sui piedistalli prima della sostituzione dall’ corrispettive statue in cartapesta;


Monumenti si propone di presentare l'ampio e vasto livello spirituale dell'essere umano. I basamenti dei monumenti sono rivestiti con piastrelle di ceramica monocromatica, che insieme ai mosaici sono emersi nelle antiche chiese occidentali e negli spazi riservati ai nobili come elementi decorativi con connotazioni cerimoniali e simboli di nobiltà. La produzione e l'uso di piastrelle di ceramica a Napoli hanno una lunga e ricca storia, e possiamo ancora vedere alcune di queste fantastiche decorazioni a Pompei. Con Monumenti spero di continuare questo lavoro straordinario e di rovesciare l'immagine stereotipata del monumento. I fiori di porcellana bianca pura sparsi nello spazio espositivo sono stati incorporati nel mio lavoro per la prima volta già nel 2001, ma ogni volta l'implicazione che ne deriva è unica. Questi fiori di porcellana bianca biscuit sparsi a caso creano una sensazione di solennità e fragilità, ma allo stesso tempo risuonano con gli immigrati di classe inferiore sfollati e le loro vite alla deriva.


Foto della residenza e della produzione di Monumenti da sinisistra:

1)Liu Jianhua nella fabbrica Ceramica Francesco di Maio durante la scelta delle mattonella in ceramica di Vietri

2) artigiano dell’Istituto Caselli di Capodimonte per la produzione dei fiori in porcellana bisquit

3) I fiori di porcellana bisquit tra le colonne del chiostro


Gli artisti in piedi sulla base del monumento e la forma della base del monumento creano risonanza e contrasto tra la forma figurativa e la concezione astratta. -Da dove veniamo e dove andiamo? - È l'ultimo argomento filosofico che continua a interrogare la nostra mente. La risposta rimane sconosciuta.”

Liu Jianhua