top of page

Rigenerazione urbana: cosa succede ai cantieri di Porta Capuana?

Aggiornamento: 25 mag 2023

Oggi parliamo di rigenerazione urbana!

Dal 2012 siamo impegnati nel restauro del Chiostro cinquecentesco di Santa Caterina e nella sua riconversione in un hub culturale al servizio del programma di rigenerazione urbana di uno dei più antichi quartieri storici di Napoli.





Abbiamo restaurato e riconvertito un Chiostro abusato ed abbandonato per oltre un secolo, coinvolgendo la comunità artistica internazionale insieme agli abitanti di Porta Capuana ed alle grandi tradizioni artigianali del territorio.





Avrebbe potuto, e ancora può essere, un grande esempio del settore privato che dialoga, integra e si affianca al pubblico.

Ma al di fuori dei nostri spazi cosa è successo? Il Grande Progetto Unesco che interessa l’intera area e che da tutti era stato visto come una grande opportunità di cambiamento, procede con ritardi mostruosi e con una cattiva gestione dei cantieri più volte denunciata. Un intervento con una durata dichiarata di 12 mesi che oggi dopo oltre 4 anni non vede ancora la fine.




Al momento più che un’opportunità è un Grande Fallimento! Recinzioni inutili lasciate intorno a parti completate dei cantieri che divengono “zone oscure” a disposizione di attività clandestine, di chi deposita spazzatura di ogni genere, di persone tossicodipendenti, di topi e di chi si approfitta per parcheggiare stabilmente auto.

In pratica la zona sta recuperando tutte le cattive abitudine che la presenza virtuosa nostra e di tanti altri avevano allontanato!!



Abbiamo telefonato, scritto, denunciato… Niente!

Tutti d’accordo… ma non si capisce di chi sia la competenza!!!

71 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page